POMPE DI CALORE

Image Frame
Image Frame

Semplicità

Una macchina per il caldo, il freddo e l’acqua calda sanitaria. Null’altro.

Risparmio

Sfruttando in gran parte l’aria esterna, il consumo di energia elettrica di una pompa di calore è bassissimo.

Sicurezza

Non ci sono fiamme, non c’è gas. La sicurezza è un valore inestimabile…

Benefici per l'ambiente

Una pompa di calore consente una riduzione delle emissioni di gas inquinanti di oltre il 60% rispetto ai tradizionali sistemi a gas.

Come funziona

La pompa di calore è costituita da un circuito chiuso, percorso da uno speciale fluido (frigorigeno) che, a seconda delle condizioni di temperatura e di pressione in cui si trova, assume lo stato di liquido o di vapore. Della massima importanza sono le proprietà del fluido refrigerante usato per la trasmissione del calore. Quando si espande, in un'apposita valvola di espansione, cede energia raffreddandosi notevolmente. Appena la sua temperatura scende al di sotto di quella dell'aria esterna, riceve calore ed evapora. Il fluido evaporato passa attraverso un compressore nel quale aumenta la pressione e si scalda, per poi passare attraverso un condensatore dove ritorna allo stato liquido e cede tutto il calore all'esterno.  Lo stesso meccanismo, la stessa pompa di calore, con procedimento inverso, viene utilizzata anche per raffrescare gli ambienti. Il vantaggio nell’uso della pompa di calore deriva dalla sua capacità di fornire più energia (calore) di quella elettrica impiegata per il suo funzionamento in quanto estrae calore dall’ambiente esterno (aria-acqua).

L’efficienza di una pompa di calore è misurata dal coefficiente di prestazione “COP” che è il rapporto tra energia fornita (calore ceduto al mezzo da riscaldare) ed energia elettrica consumata. Il COP è variabile a seconda del tipo di pompa di calore e delle condizioni di funzionamento ed ha, in genere, valori prossimi a 4. Questo vuol dire che per 1 kWh di energia elettrica consumato, fornirà 4 kWh di calore al mezzo da riscaldare, ed è evidente come questo possa portare a consumi molto bassi a parità di energia termica fornita rispetto ad altri tipi di generatori.

Perchè utilizzarlo

La pompa di calore è perfetta in caso di sistemi di riscaldamento a bassa temperatura: radianti (pavimento, parete o soffitto) e ventilconvettori. In caso di ristrutturazione o nuova costruzione la pompa di calore è la prima soluzione a cui pensare. E’ sconsigliata invece nei riscaldamenti classici con termosifoni a causa dell’alta temperatura richiesta da questi sistemi. In questi casi, però, esistono delle versioni ibride che uniscono i vantaggi delle pompe di calore a quelli delle caldaie a condensazione. Le pompe di calore ibride sono ideali per ottenere il massimo dagli impianti già esistenti, senza necessità di ristrutturazioni o opere murarie complesse. Non è sempre facile scegliere quale pompa di calore utilizzare. A differenza delle caldaie, che tipicamente vengono sovradimensionate rispetto all’effettivo bisogno di calore dell’abitazione, le pompe di calore devono essere scelte con la maggior precisione possibile: solo adattandosi perfettamente all’ambiente in cui si trovano posso lavorare al meglio mantenendo bassi consumi e soprattutto la giusta affidabilità. Una pompa di calore sovradimensionata “così non ci si sbaglia” è una pompa di calore che in realtà lavora molto male a bassi carichi, alternando cicli on-off dannosi non solo per la bolletta ma anche per il compressore. Effettuiamo sempre uno studio approfondito del fabbisogno termico effettivo della casa, per offrire la garanzia di avere un impianto tagliato e cucito sulle reali necessità.